Dove vuoi andare?
Scrivi una città
Seleziona una regione
Seleziona una provincia
Seleziona una tipologia
Cerca strutture

Crotone

Crotone

La città di Crotone, che affonda le sue prestigiose radici nella storia antica, è collocata sul versante Est della regione Calabria, si affaccia sul Mar Ionio presso la foce del fiume Esaro. L'altezza della città è di 8 m sul livello del mare. Il Comune ha una superficie di 179,83 km², e conta circa 60.500 abitanti. Crotone è capoluogo di provincia dal 1994.

Il clima si presenta temperato. L'inverno è generalmente mite, anche se sono possibili temporanee ma repentine diminuzioni di temperatura con occasionali nevicate (1991, 1998, 2001, 2006, 2008), in caso di afflusso di aria gelida polare. L'estate è calda ma discretamente ventilata dalla brezza di mare; solo in presenza di onde di calore con venti di scirocco o libeccio, le temperature massime possono attestarsi attorno ai 40°C ma con bassi tassi di umidità relativa. 

Le precipitazioni si concentrano principalmente in autunno, con massimo secondario invernale; tra la primavera e l'estate può accentuarsi notevolmente la siccità. 

Crotone vanta vastissime pianure che, verso il mare a solo un'ora di distanza, si ricongiungono al piacevole contesto montano della Sila. 

La costa offre una grande varietà di luoghi diversi, alternando promontori e baie a spiagge sabbiose e scogliere da dove godersi il mare Ionio: posizione strategica che fa ancora della città un punto cruciale nel Mediterraneo. 

Il Centro Storico di Crotone è facilmente individuabile perché posto su di un'altura, a ridosso del mare, racchiusa fino alla fine dell'800 dalla cinta murale cinquecentesca con una storia antichissima. Secondo gli archeologi è qui, infatti, che sorgeva l'acropoli dell'antica Kroton. Si dice che ospitasse, tra gli altri edifici, il Tempio delle Muse, sede della scuola pitagorica, nota in tutto il Mediterraneo. Si tratta di un tessuto urbano molto stratificato, a cui per le continue distruzioni, ricostruzioni, rimaneggiamenti, aumenti di volume, sovrappostisi nel corso di circa tre secoli, non si può attribuire nessun appellativo del tipo Bizantino, Medioevale, Rinascimentale, Barocco.